Google Analytics

Google Analytics

di Raffaello Luly

“…e guidare a fari spenti nella notte per vedere…” cantava Lucio Battisti…

Ed è quello che può capitare  se non hai ancora un sistema di monitoraggio e analisi del traffico al tuo sito.

Esistono molti strumenti che permettono queste analisi, uno dei più celebri e utilizzati è Google Analytics. Per prima cosa va detto questo sitema è di proprietà di google e quindi non è uno strumento indipendente. È gratuito a patto che abbiate un account emal di gmail.com per fare l’accesso.

Attraverso Google Analytics è possibile monitorare e analizzare il proprio sito internet ricavando dati fondamentali per la propria strategia digitale. È davvero uno strumento fantastico soprattutto se si pensa che è completamente gratuito. Nel corso degli anni è diventato un software che può compiere analisi molto profonde e per questo sono nate figure professionali specializzate e una serie di corsi di formazione per acquisire le nozioni a vari livelli.

 

PERCHÉ È IMPORTANTE ANALIZZARE I DATI

A meno che il nostre doti di veggenti non siano davvero sviluppate abbiamo bisogno di dati ben strutturati per ipotizzare nuove strategie o miglioramenti della strategia attuale.

Grazie a Google Analytics puoi acquisire e analizzare i dati statistici delle persone che visitano il tuo sito. Sono presenti anche alcuni dati riferiti al mondo social anche se analizzare meglio il traffico facebook, instagram, linkedIN  esistono gli strumenti messi a disposizione dalle singole piattaforme con dati più aggiornati e precisi.

In ambito turistico conoscere da quali paesi è visitato il sito, quante persone lo frequentano mensilmente, quali sono le pagine più visitate e quali invece le pagine che fanno scappare i visitatori, per quanto tempo rimangono, se il sito è visitato maggiormente dal computer o dallo smartphone sono informazioni che possono far prendere decisioni molto diverse.

Pensiamo ad esempio alle decisioni in ambito pubblicitario o di comunicazione aziendale. Sapere se il vostro sito è visto in maggior parte da smartphone potrebbe farvi scegliere di rivedere o migliorare il vostro sito se non è “Responsive” ovvero se non offre una fruizione dei contenuti ottimale al vostro pubblico. 

Avere i dati riferiti alla nazionaltà del pubblico che visita il sito potrebbe stimolarlo a creare delle campagna pubblicitarie in quei territori o viceversa a dirottare il budget pubblicitario verso nuovi territori. Poniamo ad esempio che abbiate o lavoriate in un Hotel e che siate interessati ad aumentare i vostri ospiti di provenienza Russa. A questo punto sapere se il sito è cercato in Russia potrebbe incentivare ad intraprendere un percorso di posizionamento nel motore di ricerca locale (in russia si utilizza maggiormente Yandex rispetto al “nostro” Google) attraverso la creazione di un Blog in russo, oppure attraverso campagne banner o sulle parole chiave in modo da farvi trovare sul web. 

Il passo successivo immagino sia poter monitorare l’andamento della vostra strategia, per capire se il traffico al sito è aumentato e da quali regioni in particolare in modo da focalizzare l’attenzione in quei territori.

Ecco che l’analisi del sito diventa uno strumento molto interessante.

 

REGISTRAZIONE E INTEGRAZIONE

Come abbiamo detto la registrazione è gratuita ma è necessario avere un account gmail. L’indirizzoi web da cui partire è marketingplatform.google.com/intl/it/about/analytics/ Da qui in poi basta seguire ilp ercorso guidato inserendo un nome per il tuo account e i dati del sito che vuoi monitorare. Con un account puoi monitorare i§ siti, quindi se hai più siti non ti preoccupare perchè li potrai inserire e monitorare tutti da una sola installazione.

Il sistema prevede anche che tu possa dare la visione ai tuoi collaboratori in modo da farti aiutare o delegare.

Alla fine della configurazione dovrai inserire un codice di monitoraggio nel tuo sito. Si Tratta di un copia e incolla da fare nel codice del tuo sito e in particolare nella sezione <head>. Se utilizzi strumenti tipo WordPress troverai molti plug in  (software compatibili con wordpress) in modo semplificare questo passaggio. Se hai un programmatore web di fisica puoi chiedere a lui di inserirlo, in ogni caso è un’operazione semplice ma a cui prestare attenzione.

Le metriche più importanti

  • Utenti – il numero di persone che hanno interagito con il sito.
  • Sessioni – il periodo di tempo in cui gli utenti interagiscono con il sito web. Possono essere considerate come i contenitori per le azioni intraprese da un utente sul sito. Di default una sessione scade dopo 30 minuti di inattività. Ad esempio, se un utente visita 5 pagine del sito e poi effettua un acquisto viene conteggiata 1 sessione. Se poi l’utente abbandona il sito, o non effettua alcuna interazione, e ritorna dopo 30 minuti vengono conteggiate 2 sessioni totali. In questo caso Analytics conteggerà 1 utente e 2 sessioni.
  • Frequenza di rimbalzo – la percentuale di sessioni in cui l’utente abbandona il sito senza aver interagito. Una sessione con rimbalzo ha una durata di 0 secondi.
  • Pagina/sessione – il numero medio di pagine visualizzate durante una sessione.
  • Durata sessione media – la durata media di una sessione.
  • Conversioni – gli obiettivi per il quale è stato realizzato il sito (vendita prodotto/servizio, acquisizione lead, iscrizione alla newsletter, ecc).
 
Pubblico

I dati della sezione Pubblico raccolgono informazioni sugli utenti che hanno visualizzato il sito.

  • Pubblico > Dati geografici
    Fornisce informazioni sulla provenienza geografica del traffico in base all’indirizzo IP. I dati sono possono essere classificati in base a Città, Nazione, ecc. Questi dati sono davvero molto interessanti per capire quale pubblico è interessato al nostro prodotto e per valutare se “spingere” su quella country o viceversa, avendo già quel pubblico, puntare su altri territori.
  • Pubblico > Tecnologia
    Fornisce informazioni sulla rete, il browser e il sistema operativo utilizzati dagli utenti. 
  • Pubblico > Dispositivo mobile
    Fornisce informazioni sui dispositivi utilizzati dagli utenti: desktop, mobile o tablet.Anche in questo caso può essere interessante sapere in quale percentuale il sito è visitato da Smartphone in modo da organizzare al meglio i contenuti.
  • Pubblico > Dati demografici
    Fornisce informazioni sull’età e sul sesso degli utenti. Per acquisire questi dati devi abilitare le funzioni pubblicitarie di Google Analytics.
  • Pubblico > Interessi
    Fornisce informazioni sugli interessi che esprimono gli utenti nelle attività di navigazione e di acquisto online. Per acquisire questi dati devi abilitare le funzioni pubblicitarie di Google Analytics.
 
Acquisizione

Nella sezione Acquisizione troverai tutti quei dati che ti aiutano a capire in che modo gli utenti arrivano sul sito.

  • Organic Search – Traffico proveniente dalla ricerca organica ovvero le persone che cercano su Google. Non è detto che cerchino il nome della tua azienda, magari arrivano al tuo sito cercando contenuti presenti nel tuo blog.
  • Direct – Quando un utente mette il nome del sito direttamente su google
  • Paid Search – Traffico proveniente dalle campagne a pagamento Google Ads.
  • Social – Traffico proveniente dai social network (Facebook, Twitter, Youtube, ecc).
  • Referral – Viene classificato come Referral il traffico proveniente da un sito web esterno che ha linkato il tuo.
 
Comportamento

Questi rapporti forniscono informazioni su come gli utenti interagiscono con il sito. Comportamento > Flusso di Comportamento
Grazie a questo rapporto sarai in grado di visualizzare il percorso seguito dagli utenti da una Pagina a quella successiva. In questo modo potrai scoprire i contenuti che intrattengono maggiormente gli utenti o identificare eventuali problemi.

  • Comportamento > Contenuti del sito > Tutte le pagine
    Fornisce informazioni sulle pagine più visualizzate del sito.
  • Comportamento > Contenuti del sito > Pagine di destinazione
    Fornisce informazioni sulla prima pagina che visualizzano gli utenti quando si collegano al sito.
  • Comportamento > Contenuti del sito > Pagine di uscita
    Fornisce informazioni sull’ultima pagina che visualizzano gli utenti prima di abbandonare il sito.
 
Conversioni

Per “conversione” si intende quando l’utente diventa cliente e in questo contesto quali obiettivi tangibili sta raggiungendo il tuo sito. Le vendite attraverso l’e commerce ad esempio , la compilazione di un form di contatto o la vista ad una pagina specifica che hai indicato . Questa sezione delle analytics è quindi importante per verificare a che punto è il tuo progetto dal punto di vista dei risultati.

I rapporti di questa sezione sono suddivisi in base al tipo di conversione:

  • Obiettivi
    Sono le azioni che effettua l’utente all’interno del sito li puoi decidere tu attraverso la creazione di obiettivi. Ad esempio l’iscrizione alla newsletter, il clic su un pulsante, la durata di una sessione, ecc. Per configurare il tracciamento di queste conversioni puoi fare riferimento alla guida ufficiale di guida ufficiale di Google Analytics.
  • E-commerce
    Si tratta sempre di azioni che effettua l’utente sul sito, ma riguardano solamente l’acquisto di prodotti. Anche le camere di un albergo o la vendita di pacchetti viaggio può far parte di questo tipo di tracciamento. Se utilizzi WordPress, Prestashop o altri CMS, esistono molti plugin che ti semplificano il lavoro.