Schermata 2023-03-10 alle 17.18.29

IL PALIO DI SIENA TRA TRADIZIONE E TURISMO

di Fabio Riva

Il Palio di Siena è un evento storico e culturale che si svolge nella città toscana di Siena ogni anno. Risale a più di sette secoli fa e rappresenta una delle festività più attese e sentite dai senesi e dai turisti che visitano la città. Il Palio consiste in una gara di cavalli che si svolge due volte all’anno, il 2 luglio e il 16 agosto, e vede sfidarsi 17 contrade, o quartieri, della città.

Questa gara non solo rappresenta un momento di divertimento e di competizione, ma è anche un simbolo di orgoglio e appartenenza per i senesi e un’occasione per celebrare la storia e la tradizione della loro città. Con i suoi festeggiamenti, la sua musica e i suoi colori, il Palio di Siena è uno spettacolo unico che attira turisti da tutto il mondo. In questo articolo, esploreremo in dettaglio la storia, le caratteristiche e il significato simbolico di questa antica festività.

 

Storia 

Il Palio di Siena ha origini medievali, fin dal 1200 si ha infatti testimonianza di una corsa di cavalli nella città, e documenti anteriori al XII secolo ricordano di un “Palio di San Bonifazio”, ossia il santo titolare dell’antica Cattedrale, che prima della fondazione di quella attuale sorgeva in Castelvecchio. Inizialmente, la gara era una competizione tra contrade della città per stabilire la supremazia politica e militare. Con il passare del tempo, il Palio è diventato una competizione sportiva e una celebrazione della storia e della cultura di Siena.

Nel corso dei secoli, il Palio ha vissuto momenti di gloria e di difficoltà, ma ha sempre mantenuto il suo fascino e la sua importanza per la città. Durante la seconda guerra mondiale, ad esempio, le gare furono sospese, ma furono riprese poco dopo la fine del conflitto. Negli ultimi decenni, il Palio di Siena è diventato uno degli eventi più famosi e attesi della Toscana e un’occasione per celebrare la storia e la tradizione della città.

 

Significato e tradizione

Il Palio di Siena è molto più di una semplice gara di cavalli. La competizione rappresenta una tradizione antica e profondamente radicata nella cultura e nella storia di Siena. Ogni anno, il Palio è l’occasione per le contrade di far valere il proprio orgoglio e di celebrare la propria identità e la propria storia.

La rivalità tra le contrade è forte e si manifesta in molti modi, dalla sfilata storica alla competizione vera e propria. Ogni contrada cerca di vincere il Palio per guadagnare fama e prestigio.

Ma il Palio è anche un’occasione per celebrare la storia e la cultura di Siena. Durante la sfilata storica e la gara, la città si veste di bianco e di nero, i colori presenti nel vessillo e nello stemma della città.

 

Data e calendario

Il Palio di Siena, come già accennato, si svolge due volte all’anno, il 2 luglio e il 16 agosto. Queste date rappresentano i momenti più importanti del calendario cittadino e vedono la città vestirsi dei suoi colori e della sua tradizione per celebrare l’evento.

Il Palio di luglio è conosciuto come il Palio dell’Assunta e celebra la Madonna Assunta, mentre il Palio di agosto è conosciuto come il Palio straordinario e rappresenta una gara supplementare rispetto al Palio di luglio.

Il calendario del Palio è pieno di eventi e celebrazioni di contorno alla gara vera e propria. La sfilata storica e la corsa di cavalli sono infatti solo due degli eventi più importanti del calendario, e sono preceduti da altri eventi come le prove dei cavalli e le feste delle contrade.

Caratteristiche della gara

Il Palio si svolge in Piazza del Campo, il cuore della città. La gara consiste in una corsa di tre giri intorno alla piazza e vede sfidarsi 17 contrade, o quartieri, della città. Ogni contrada è rappresentata da un cavallo e un fantino che indossano i colori e i simboli della contrada.

La gara è preceduta da una sfilata storica che vede le contrade sfilare per le strade della città con i loro costumi e le loro bandiere. La sfilata rappresenta un’occasione per i senesi e i turisti di ammirare i costumi e i colori delle contrade e di vivere l’atmosfera unica del Palio.

Durante la gara, il pubblico in piazza tifa per la propria contrada e il vincitore viene decretato alla fine della corsa. Il cavallo e il fantino che tagliano il traguardo per primi vincono il Palio, una bandiera dipinta a mano che rappresenta uno dei simboli più preziosi della città.

 

La corsa

La corsa del Palio di Siena è il momento culminante dell’evento anche se dura solo pochi minuti, ma è molto emozionante e avvincente. La corsa è infatti molto rapida e piena di colpi di scena, con i cavalli che corrono ad alta velocità intorno alla piazza.

Una volta entrata la “rincorsa”, se considerata valida la partenza, prende il via la corsa. Il Palio viene vinto dal cavallo, con o senza fantino, dopo che per primo abbia compiuto tre giri della piazza in senso orario; la linea d’arrivo, segnalata da un bandierino, è nella stessa zona della partenza, pur non coincidendo esattamente (è leggermente più avanti rispetto alla mossa). In caso di arrivo di cavallo senza fantino, si parla di cavallo scosso. I fantini e i cavalli corrono con addosso rispettivamente il giubbetto e la “spennacchiera” con i colori della contrada

 

L’impatto sul turismo

Il Palio di Siena è un evento di portata mondiale che attrae turisti da tutto il mondo ogni anno. La città di Siena e la Toscana in generale beneficiano enormemente del flusso turistico che si genera intorno a questo evento.

E’ un’occasione unica per scoprire la città e la sua storia, e per immergersi nella cultura e nella tradizione toscana. La città di Siena è famosa per la sua bellezza architettonica, la sua storia antica e la sua atmosfera unica, e il Palio è un’opportunità per i turisti di vivere queste esperienze in prima persona.

Inoltre, durante il Palio, come detto le strade della città sono animate da feste e celebrazioni, che creano un’atmosfera di divertimento e allegria. Questo contribuisce a creare un’immagine positiva della città e a rendere l’esperienza turistica ancora più memorabile per i visitatori.

La presenza di turisti in città durante il Palio contribuisce all’economia locale e supporta il turismo nella regione, generando benefici economici per molte attività commerciali, dall’ospitalità alla ristorazione.

In conclusione, il Palio di Siena è un evento di grande importanza storica e culturale per la città di Siena e per l’intera regione della Toscana. Con la sua origine che risale all’epoca medievale, il Palio è un’esperienza unica che attrae turisti da tutto il mondo, un’occasione imperdibile per scoprire la storia, la cultura e la tradizione della Toscana.